Riabilitazione neuromotoria

La risoluzione dei problemi che colpiscono il sistema nervoso

Quando diventa necessario curare i pazienti
con della riabilitazione neuromotoria

La riabilitazione neuromotoria è necessaria laddove il paziente presenta delle patologie e disfunzioni neurologiche, ossia delle problematiche che colpiscono il sistema nervoso centrale o periferico. Alcune patologie che affliggono il sistema nervoso centrale sono ad esempio le sindromi Parkinsoniane o il morbo di Alzheimer, oppure i traumi cranici e gli accidenti cerebrovascolari come l’ictus, ed ancora, patologie come la paralisi celebrale infantile, le tetraparesi spastica e manifestazioni simili.

Queste patologie alterano la rete neurale con conseguenze cliniche che minano l’indipendenza e la capacità di formulare una risposta motoria e consona alle proprie necessità.

La riabilitazione neuromotoria si prefigge quale obiettivo il ripristino delle funzioni perse. Laddove possibile, attraverso le capacità residue e la plasticità del sistema nervoso (capacità del sistema nervoso di adattarsi e creare nuove connessioni) e dove risulta impossibile, attraverso la creazione di nuove strategie motorie.

La terapia si avvale di diverse tecniche attive e passive, le quali, attraverso l’esercizio fisico motorio e sensoriale propriocettivo, permettono quindi di instaurare una nuova strategia di movimento che possa garantire sicurezza, indipendenza e qualità al movimento, con ovvie ripercussioni sulla qualità di vita del paziente stesso.

Richiedi un appuntamento

Sarai ricontattato al più presto

RICONOSCIUTO DALLE CASSE MALATI